Investing.com – In una nota pubblicata lunedì, Morgan Stanley (NYSE:MS) prevede un aumento dei prezzi del rame e identifica le migliori azioni per trarne vantaggio dal suo rally.

I prezzi del rame sono saliti alla fine dell’anno scorso e nel 2021, raggiungendo quasi 3.700 dollari la libbra, il più alto dal 2013, dopo essere scesi a un minimo quadriennale nel marzo 2020 al culmine della pandemia di Covid19.

Le azioni esposte al rame hanno già beneficiato del recupero del metallo, ma Morgan Stanley ritiene che ci sia ancora molto margine di miglioramento.

Gli analisti della banca americana hanno citato diversi fattori positivi, come l’accelerazione del ciclo economico e la prevista reflazione, che “favorisce fortemente il rame”.

“Per questo motivo, sosteniamo che c’è un potenziale ulteriore aumento del 30% dalle attuali quotazioni azionarie nel 2021”, scrivono gli analisti.

La banca ha anche sottolineato il ruolo chiave del rame nella transizione verso un mondo più rispettoso dell’ambiente, in quanto il rame è ampiamente utilizzato nelle tecnologie alternative. Morgan Stanley ritiene che ciò fornisca “un’opportunità di crescita convincente, poiché l’attenzione degli investitori per il cambiamento climatico continua a crescere”.

“In questo contesto, sfrutteremo la potenziale volatilità del mercato intorno al Capodanno cinese del prossimo mese come un’opportunità di acquisto con prospettive rialziste per il secondo trimestre del 2021”, hanno aggiunto.

Le società suggerite

Per le azioni privilegiate legate al rame, Morgan Stanley cita il gigante delle miniere e del commercio di materie prime Glencore PLC (LON:GLEN) il minatore di metalli Lundin Mining Corp (TSX:LUN) e la società mineraria e metallurgica First Quantum Minerals Ltd (LON:0P6E).

La banca prevede un aumento del 67% per Glencore, del 34% per Lundin e del 31% per First Quantum, pur rilevando che se il rame salirà a 4 dollari la libbra, le prospettive di crescita aumenterebbero rispettivamente a +93%, +61% e +54%.

admin

Di admin

Lascia un commento