Il Bitcoin è salito bruscamente ieri pomeriggio e sera, dai circa 54.500 dollari nel tardo pomeriggio a un massimo di 59.189 dollari durante la notte, in crescita dell’8,6% in poche ore.

Si noti anche che nelle ultime ore, il Bitcoin sta consolidando in un range stretto appena sotto la soglia dei 59.000 dollari, che dovrebbe essere considerata una resistenza immediata. Oltre questo, 60.000 dollari saranno il prossimo obiettivo, prima del recente massimo storico di 61.600 dollari. Al ribasso, 58.000 dollari è il primo supporto importante.

Sembra innegabile che la riunione della Fed di ieri sera abbia favorito il BTC/USD. Il presidente della Fed Jerome Powell ha infatti mantenuto una posizione dovish, nonostante una chiara revisione rialzista delle previsioni di crescita, indebolendo il dollaro, come si è visto sull’Indice del dollaro che è immediatamente sceso al rilascio della dichiarazione della Fed, mentre Bitcoin è decollato.

Oltre al Bitcoin spicca un’altra criptovaluta, il Cardano, è in aumento del 10% da ieri e più del 25% in una settimana. Mantiene così il suo terzo posto nella classifica delle criptovalute più importanti, che ha recentemente acquisito.

Nel frattempo, notiamo che secondo le informazioni della CNBC, Morgan Stanley (NYSE:MS) inizierà molto presto a offrire esposizione a Bitcoin ai suoi clienti nella gestione patrimoniale.

Inoltre, il capo dell’unità di criptovaluta di Goldman Sachs (NYSE:GS) ha recentemente detto che abbiamo superato il “punto di non ritorno” in termini di adozione del BTC.

admin

Di admin

Lascia un commento