Non sembra arrestarsi la corsa del titolo GameStop. Il più grande rivenditore di videogiochi nuovi e usati nel mondo, specializzato nella vendita di accessori, console ed altre apparecchiature elettroniche attraverso negozi fisici, continua a registrare rialzi record a Wall Street: dal 19 al 25 gennaio ha messo a segno un balzo del +285%, e anche ieri ha registrato un ulteriore apprezzamento.

UNA PERFORMANCE SORPRENDENTE

Una performance sorprendente, soprattutto alla luce dei pesanti contraccolpi al business di GameStop nel corso della pandemia: l’azienda, con il bilancio in rosso, è stata infatti costretta alla chiusura di oltre 200 punti vendita. Ma allora come si spiega questo rally del titolo? Le ragioni vanno ricercate nel cosiddetto short squeeze, ovvero una progressiva chiusura di tutte le posizioni ribassiste sul titolo presenti sul mercato perché i ribassisti non trovano più disponibilità di azioni da vendere. Per mettersi al ribasso infatti è necessario prima prendere in prestito le azioni da vendere. Una vera e propria “offensiva” architettata da numerosi investitori privati attraverso social come Reddit e YouTube, che hanno deciso di comprare le azioni rimanenti di GameStop.

COS’E’ UNO SHORT SQUEEZE

Siamo in presenza di uno short squeeze quando le quotazioni registrano un incremento improvviso, superando le aspettative degli analisti e degli investitori che puntano al ribasso. Si tratta di un fenomeno che ha impatti significativi soprattutto sugli investitori che adottano la strategia della vendita allo scoperto (short selling) con le azioni prese in prestito: praticamente a un certo punto, se sono tutti al ribasso, non ci sono più titoli disponibili, e l’unica opzione possibile su quel titolo è acquistare, il che fa schizzare i prezzi anche a fronte di volumi molto contenuti. .

CAMBIAMENTO DELLA DINAMICA DOMANDA / OFFERTA

Stesso discorso anche per i trader che operano sulle azioni con gli strumenti derivati, come i CFD (contratti per differenza), che sfruttano la leva tramite la quale non soltanto i profitti ma anche le perdite (in casi come questo) sono amplificate. Coloro che praticano la vendita allo scoperto cercheranno pertanto di chiudere subito le posizioni “short” coprendosi, vale a dire ricomprando, mentre i prezzi sono in rialzo. Questo alimenta ulteriormente la domanda delle azioni, causando a sua volta la riduzione dell’offerta e questo cambiamento della dinamica domanda/offerta determina un ulteriore aumento dei prezzi, che finisce con il peggiorare gli effetti di uno short squeeze.

DATI INATTESI FANNO AUMENTARE REPENTINAMENTE I PREZZI DELLE AZIONI

Molto spesso bastano dati inattesi per far aumentare repentinamente i prezzi delle azioni come, per esempio, ricavi più alti del previsto, annuncio di innovazioni tecnologiche o novità legate alla logistica dei nuovi settori produttivi. Secondo alcuni analisti che stanno seguendo il rally, le azioni GameStop sono sostenute anche dagli incoraggianti dati sulle vendite pubblicati due settimane fa e dalle aspettative del mercato sul comparto gaming nonché dal recente accordo raggiunto con RC Venture che dovrebbe portare a una revisione strategica dell’attività, concentrando il focus sulle vendite digitali.

admin

Di admin

Lascia un commento