Cointelegraph.com – Agli opinionisti e analisti crypto piace fare previsioni sul prezzo di Bitcoin (BTC) senza badare alla volatilità della classe di asset.

Già nel 2017 qualcuno pronosticava il prezzo di BTC a 35.000$-50.000$, e ovviamente alcune anime coraggiose hanno previsto che il prezzo avrebbe raggiunto un milione di dollari prima della correzione.

Nessuno dimenticherà la promessa di John McAfee, che avrebbe mangiato i propri genitali se il prezzo di BTC non fosse arrivato a un milione entro la fine del 2020.

Anche se alcune di queste stime ambiziose si basano sui fondamentali della criptovaluta, altre sono completamente campate per aria. A prescindere dalla logica dell’analista, alcune sono talmente lontane dalla realtà da diventare meme.

Diamo un’occhiata alle previsioni sul prezzo di Bitcoin più assurde del 2020.

Le “guesstimation” attirano l’attenzione perché nessuno le segue

Cercare di indovinare il prezzo futuro delle criptovalute è così radicato nella comunità che molti analisti non ne considerano neanche l’efficacia. Stare al passo con il flusso illimitato di previsioni sparse tra blog, podcast, Twitter e YouTube è quasi impossibile. Immaginate la difficoltà e l’energia necessaria per verificare tutte queste supposizioni casuali.

Complicando ulteriormente le cose, alcune di queste previsioni arrivano da noti scettici di Bitcoin, come il celebre gold bug Peter Schiff e Nouriel Roubini, professore presso la Stern School of Business dell’Università di New York. Quindi, in alcuni casi le credenziali personali sono meno importanti di modelli analitici funzionanti.

Un mese prima del crollo del 12 marzo, giorno in cui il prezzo di Bitcoin è crollato del 50% fino a 3.750$, il creatore del modello Stock-to-Flow PlanB affermò che Bitcoin non sarebbe più sceso sotto gli 8.200$. In quel periodo, nessuno si aspettava che l’indice azionario Dow Jones avrebbe affrontato il crollo più grave mai registrato dal 1987, né che il contratto future sul petrolio WTI sarebbe sceso in territorio negativo a -40$.

Nonostante ciò, PlanB non verrà inserito nella lista delle peggiori previsioni del 2020 perché praticamente nessuno ha previsto che la pandemia di coronavirus avrebbe avuto un tale impatto sui mercati, provocando un caos totale. Inoltre, anche il famoso analista Peter Brandt ha commesso lo stesso errore dichiarando a gennaio che BTC non avrebbe più rivisitato livelli sotto i 6.000$.

admin

Di admin

Lascia un commento