Buon inizio di settimana per le azioni Tesla (NASDAQ:TSLA), con una chiusura in crescita del 2% ieri a Wall Street a 670 dollari.

L’aumento delle azioni del produttore di veicoli elettrici arriva dopo che la società di gestione degli investimenti, Ark Invest, dell’investitore Cathie Wood, ha aumentato il target price su Tesla a 3.000 dollari entro il 2025, rispetto ai 654,87 dollari della chiusura di venerdì.

Vale la pena notare che Tesla rappresenta più del 10% del patrimonio in gestione dell’ARK Innovation ETF.

Il rialzo di Tesla è uno dei catalizzatori dell’indice tech NASDAQ, ieri in crescita di oltre l’1%.

La striscia ribassista è finita?

Dopo il rally mostrato nel 2020, quando le azioni Tesla sono salite di oltre il 740% guidate dalla crescente domanda, dal miglioramento della redditività e dal successo delle sue operazioni in Cina, le azioni Tesla hanno avuto una breve striscia ribassista.

“Finora quest’anno, la performance di Tesla non è stata impressionante. Le azioni sono scese di oltre il 7%. Quel che è peggio, se qualcuno ha comprato Tesla il 26 gennaio – quando lo stock ha raggiunto i massimi storici e ha chiuso a 883,09 dollari – le loro perdite da un anno all’altro si aggireranno intorno al 30%”, commenta Haris Anwar, analista di Investing.com in un articolo pubblicato ieri.

Tuttavia, molti degli analisti rimangono fedeli alla società di Elon Musk, continuando a prevedere guadagni nei prossimi anni nonostante l’incalzare della concorrenza in Europa e nel mondo.

admin

Di admin

Lascia un commento